La Polenta è un piatto tipico di tutta la tradizione culinaria bellunese e veneta, infatti la regione del Veneto può a ragione considerarsi la patria adottiva del sorgo.

La pianta del mais ha una resistenza molto buona che ne consente la coltivazione anche a quote di media altezza, motivo per cui questa pianta fu da subito considerata molto preziosa nel Bellunese, territorio in cui le sementi furono importate dal nobile odorino Piloni alla fine del 1500. Successivamente fu Benedetto Miari che ne allargò la coltivazione estendendola a quasi tutti i suoi possedimenti.

Da quando è stata introdotta la pianta del mais si è subito sviluppato un forte attaccamento da parte dei contadini: infatti c’è un’identificazione del granoturco come risorsa primaria ed indispensabile specie fino al secondo dopoguerra poiché la polenta era la fonte principale di sostentamento per le famiglie.

La ricetta per preparare la polenta è molto semplice: si mette sul fuoco dell’acqua salata in apposita pentola chiamata caldròl, non appena inizia a bollire si comincia a versare gradualmente la farina di mai, mescolando bene di modo che non si creino grumi. Il tempo di preparazione è di circa un’ora, durante il quale è necessario continuare a mescolare l’impasto.

In passato la polenta ha rappresentato il piatto principale della dieta di molte località del Veneto. Un piatto unico a cui vengono spesso accompagnati della carne, dei formaggi, dei salumi oppure dei legumi.

 

 

Ingredienti

  • Farina di Mais Sponcio
  • Acqua
  • Sale

Preparazione

Per preparare una Polenta con la farina di mais basta munirsi di un paiolo di rame, che riempito di acqua, viene adagiato sopra il fuoco vivo.
Occorrono all’incirca 2 litri d’acqua per 500 g. di farina.
In alternativa può essere utilizzato anche un paiolo di acciaio da porre sopra il fuoco a gas delle cucine moderne.

Quando l’acqua bolle si aggiunge il sale, circa un cucchiaio e si versa la farina a pioggia, mescolando con un cucchiaio di legno.

L’impasto deve addensarsi pian piano, ma è necessario continuare a mescolare, per evitare che si formino dei grumi.

Dopo circa 45 minuti la polenta è pronta, a questo punto basta prendere il paiolo e, stando attenti a non scottarsi, versare la polenta su un grande tagliere di legno.

Veneto