La noce feltrina viene coltivata tra feltre e Belluno; si raccoglie in autunno ed è semplice da conservare per tutto l’anno. Una delle sue caratteristiche principali è che si rompe molto facilmente, solo schiacciandola tra le dita. Viene annoverata tra le varietà più rinomate per le sue ottime caratteristiche organolettiche.

La noce feltrina viene impiegata in numerose ricette, infatti è sempre stata molto utilizzata in tutto il territorio veneto per la produzione di liquori, antipasti, salse, sughi per primi e per secondi, dolci e marmellate.

La noce feltrina è a forma ovoidale, ha una base rotonda ed un guscio chiaro e sottile. Il gheriglio è grande e facilmente staccabile dal guscio.

Vengono utilizzate anche altre parti dell’albero della noce, come le foglie, la corteccia, il mallo ed i gusci per l’estrazione di sostanze impiegate in campo farmaceutico, cosmetico, o per la produzione dell’olio impiegato un tempo per l’illuminazione.

La raccolta della noce avviene tra settembre ed ottobre, e una volta ultimati i lavori viene organizzata l’antica Fiera di San Matteo nella città di Feltre.

La noce feltrina è un prodotto PAT inserito nella Strada dei Formaggi e dei Sapori delle Dolomiti Bellunesi.

Una piccola curiosità: un tempo, ogni volta che nasceva una bambina, veniva piantato un noce.

Feltrino