Il Morone del Feltrino è un particolare tipo di castagno da frutto, presente nell’area feltrino già dal tempo dei Romani, di qualità pregiata, dal sapore dolce, da sempre coltivato e apprezzato nell’area feltrina, in particolare nei comuni di Feltre, Seren del Grappa, Quero, Alano di Piave, Pedavena e Arsiè.

Più grande rispetto alla classica castagna, il Morone del Feltrino presenta delle caratteristiche uniche: una forma ovale a base rettangolare, una faccia piatta e l’altra convessa. La sua buccia è sottile e marrone, è ricoperto da una pellicina, e la sua polpa è bianca, con pasta compatta e dolce.

Il morone del feltrino è impiegato nella preparazione di dolci e torte, ma è ottimo anche arrostito sulle braci o su una piastra, oppure lessato, magari accompagnato da un buon bicchiere di vino rosso.

Il prodotto fresco si trova da novembre a gennaio, nelle altre sue forme invece è reperibile durante tutto l’arco dell’anno.

Dal 1996 è presente il Consorzio Tutela Castagno e Morone del Feltrino, che lo tutela e lo valorizza.  È iscritto nell’elenco dei PAT, tra i prodotti Carta Qualità del Parco e nella Strade dei Formaggi e dei Sapori delle Dolomiti Bellunesi.

In autunno si tiene una festa dedicata al morone feltrino a rasai di Seren.

Feltrino