La Torre del Caligo

Un’antica torretta di guardia sul Piave.

La Torre del Caligo (o torre del Caligo) è un antica fortezza dell’attuale Comune di Jesolo, tra le sponde del fiume Piave e le rive del canale Caligo.

L’antico fortilizio fu eretto dai veneziani in periodo altomedievale attorno al 930 d.C., con lo scopo di fare la guardia sulla confluenza tra il canale omonimo nel Sile-Piave: in quel periodo infatti il Caligo era una via d’acqua molto frequentata. Probabilmente però la torre fu eretta su resti di un antico palazzo del periodo imperiale.

La Torre del Caligo veniva utilizzata come presidio militare strategico perchè, da quella posizione, era possibile controllare i canali diretti in laguna e tutta la campagna circostante. La fortezza veniva utilizzata anche per far pagare i pedaggi a chi voleva entrare nella laguna di Venezia.

Nel 1677, con l’apertura delle Porte del Cavallino, ci fu un progressivo abbandono della via d’acqua e lo smantellamento delle Porte di navigazione. I traffici commerciali furono spostati più a Sud e la Torre del Caligo venne così abbandonata.

Nei pressi della torre sorgevano alcuni edifici sacri: un monastero che secondo la leggenda ospitò San Romualdo e un oratorio datato 1550 dedicato a San Pietro. Sono stati ritrovati dei resti di devozione cristiana anche all’interno della torre, motivo per cui si è portati a pensare che la torre stessa per un certo periodo fu adibita a luogo devozionale.

I resti costituiscono un sito archeologico tutelato.

 

 

Via Salsi - Jesolo (VE) 30016