Il Museo “Valentino Dal Fabbro” è il luogo ideale per entrare in contatto con la quotidianità bellunese di un tempo: un quotidiano semplice, scandito dall’agricoltura, dal rapporto col territorio e dai mestieri tradizionali.

Il Museo presenta una rassegna completa e suggestiva di attrezzi e oggetti del passato che permettono di conoscere le tecniche di agricoltura, fienagione e cura del bosco, ma anche di scoprire, ad esempio, la lavorazione del latte, del legno e i mezzi di trasporto di un tempo.

La collezione, curata da Fioretto Bortot, racconta in modo esaustivo la storia dei contadini e degli artigiani di Belluno e delle vallate limitrofe tra l’800 e i primi del secolo scorso, mostrando al visitatore non pezzi rari o particolarmente belli esteticamente, ma vissuti fino in fondo.

Raccolti negli anni dal curatore in discariche e soffitte e tra gli strumenti abbandonati e non più utilizzati, perché ormai superati da nuove tecnologie e stili di vita, i reperti del Museo “Valentino Del Fabbro” sono una fotografia significativa della realtà bellunese, e rappresentano uno strumento efficace e dettagliato per non dimenticare un passato fatto di manualità, tradizione e tecniche artigianali.

Oltre agli oggetti esposti nelle sale, all’esterno è possibile ammirare una rassegna di carri agricoli, aratri, macchine per la semina e altri reperti più ingombranti ma altrettanto affascinanti e rappresentativi.

48-belluno - museo del fabbro

Via Sperti, 32100 Belluno

+39 3339621026

Orari

Il Museo è aperto su prenotazione e ogni ultima domenica del mese.