La Pala d’altare di Cesare Vecellio si trova a Cadola, conservata sopra l’altare maggiore della Chiesa Parrocchiale di Santa Maria del Rosario.

La chiesa si trova nel centro della frazione pontalpina, sede anche del municipio cittadino, ed è una costruzione ottocentesca dell’architetto feltrino Giuseppe Segusini, ultima ricostruzione di una chiesa che trova le sue origini intorno all’anno Mille.

L’opera dipinta e autografata nel 1581 dal celebre pittore, cugino del Tiziano, è un olio su tela, e raffigura la Madonna in trono con Gesù Bambino, e ai piedi dello stesso San Giovanni Battista e San Girolamo.

La figura della Vergine è rappresentata con grande finezza, e insieme al Bambino, rappresentato eretto sulle ginocchia, si trova proprio al centro della scena.

Sugli scalini del trono, raffigurato in netto contrasto con gli altri elementi dal punto di vista decorativo, trovano spazio un tappeto rosso e alcune decorazioni dorate, nonché due angioletti intenti a suonare strumenti musicali. Le figure dei due santi, invece, rispettano quelli che sono i canoni della loro raffigurazione: San Giovanni Battista con vesti parziali e decisamente spartane, intento nell’additare il Bambino, mentre San Girolamo è dipinto impegnato nella lettura.

Nei colori e nell’equilibrio dell’opera sono evidenti gli influssi delle scuola tizianesca nelle opere di Cesare Vecellio, ma sono altrettanto evidenti gli influssi del manierismo di artisti quali lo Schiavone o il Marescalchi.

Frazione Cadola 53 - 32014 Ponte Nelle Alpi (BL)

0437 99220