L’oasi di Sbarai è un’area che comprende circa trenta ettari, nel comune di Farra d’Alpago, sulle sponde del lago di Santa Croce.

L’oasi è visitabile con una piccola passeggiata molto suggestiva, che permette di ammirare (soprattutto in primavera) molte specie di uccelli quali il Tuffetto, la Pavoncella, il Forapaglie, il Pendolino, la Cicogna Bianca e molti altri, che vengono nella zona per lo svernamento. Anche la flora merita un cenno di spiegazione, perché c’è una particolarità: il sentiero è delineato da alcuni monumentali salici bianchi, di origine antica.

Per fare questa passeggiata è consigliato indossare delle scarpe impermeabili perché il sentiero è a tratti fangoso, data la zona molto umida; l’itinerario è molto frequentato sia dagli amanti del birdwatching che dai più sportivi che praticano il nordic walking.

A due passi dall’area meritano una visita i due borghi rurali di Bastia e Sitran, con le tipiche case in pietra locale, abbellite da portali spesso scolpiti.

Da non perdere a Sitran il famoso albero della bicicletta, un castagno vecchio quasi un secolo che ha inglobato all’interno del tronco una vecchia due ruote, tanto che si confonde con i suo rami.

Vediamo la storia attraverso le parole della scrittrice locale Paola Fantin: “Narra la storia che a Sitran vi fosse un contadino che nella prima metà del ‘900 riuscì ad acquistare una bicicletta, suo vanto e ricchezza. Quando andava nei campi a tagliare l’erba, la portava sempre con sé e la appoggiava sul castagno vicino. Passarono gli anni e la bicicletta divenne vecchia e malandata. Il contadino, non avendo cuore di gettarla via, in un giorno del 1952, decise di appenderla a un ramo secco del castagno, senza neppure immaginare che, col tempo, albero e bicicletta sarebbero diventati un corpo solo e un’anima sola. Per sempre.” (da Il Quaderno degli alberi antichi, Paola Fantin, Kellermann Editore).

02 - Farra d'Alpago - Oasi di Sbarai
03 - Farra d'Alpago - Oasi di Sbarai

Via Giacomo Matteotti - Farra d'Alpago (BL), 32016