Il monumento ai caduti di Zenson di Piave racconta e ricorda i sacrifici fatti dagli abitanti del piccolo comune della Marca Trevigiana, durante gli anni della Prima Guerra Mondiale, quando i territori di Zenson e dei comuni vicini, furono devastati dal conflitto, obbligando molti a nascondersi, ad andarsene oppure a combattere.

Il monumento ai caduti è il simbolo di queste atrocità, che vanno ricordate, non solo per portare il rispetto dovuto a tutte quelle vite che sono state gettate vie ma anche e soprattutto per evitare che immani tragedie possano verificarsi nuovamente.
Vuole mantenere vivo nelle nostre menti il ricordo di un avvenimento senza precedenti, che sconvolse tutto il Veneto, ma specialmente i paesi che si trovavano lungo la linea del Piave.

Dopo la disfatta di Caporetto, i veneti scoprirono da vicino cosa significasse la guerra.
Molti paesi vennero saccheggiati e i loro tesori artistici deturpati: ci vollero anni per riportare all’antico splendore chiese, ville ed edifici pubblici.

Quando si contempla il monumento ai caduti di Zenson di Piave è facile comprendere che ogni nome inciso su quelle pareti non era solo il nome di un soldato, ma bensì di una persona, che aveva una famiglia, degli affetti, a cui la guerra non ha lasciato nulla, portandosi via tutto, compresa la vita.

 

Zenson di Piave, (TV) 31050