L’area della Laguna del Mort si trova lungo la costa del mare Adriatico a nord-est della laguna di Venezia a cavallo tra i comuni di Jesolo e di Eraclea; ricopre un’area di 125 ettari. La sua profondità massima non supera i 2 metri.

La laguna del Mort, così come la si vede adesso, esiste solo dal 1935: in quell’anno il Piave raggiunse un tale stato di piena che ruppe il suo argine destro e si buttò direttamente nel Mare Adriatico; il successivo riporto di sabbia e fanghi nel vecchio occluse il collegamento tra il fiume ed il mare facendo in modo che il bacino fluviale, ormai svuotato, venisse da quel momento colmato solo dall’alta marea.

Con il passare degli anni, la laguna del Mort si è sempre più rimpicciolita per il progressivo interramento dello specchio acqueo, diventando così l’habitat naturale di uccelli marini e lagunari.

La laguna del Mort vanta vari importanti riconoscimenti: nel 2003 è stata dichiarata da Legambiente una delle undici più belle spiagge d’Italia, nel 2007 ha ricevuto dalla Foundation for Environmental Education (FEE) il riconoscimento della bandiera blu per la qualità del mare. Nello stesso anno ha ricevuto la classificazione 3 vele dalla Guida Blu. Un altro riconoscimento come una delle spiagge più belle d’Italia è stato assegnato nel numero di agosto 2010 di Turisti per caso. Nel 2011 è diventata ufficialmente un’area naturista.

13 - eraclea - laguna del mort
15 - eraclea - laguna del mort

Laguna del Mort - Eraclea-Jesolo (VE)