La Chiesa di Santa Maria Concetta è le chiesa parrocchiale di Eraclea (Ve) e si trova nel centro della città, vicino all’argine della Piave.

Dal punto di vista storico si tratta di un edificio di fondamentale importanza, perchè è proprio intorno ad esso che nei primi anni del Settecento nacque l’abitato di Grisolera, l’odierna Eraclea, che successivamente assunse la denominazione attuale nel 1950 in seguito alla ricostruzione post secondo conflitto mondiale.

La Chiesa, intitolata all’Immacolata e al Rosario, divenne parrocchia nel 1728, e ricevette la prima visita pastorale del vescovo nel 1737. Nel 1849 furono iniziati i lavori per un nuovo campanile, ma l’operazione non fu mai terminata a causa della mancanza di fondi sufficienti, anche a causa del divieto del Patriarca, nel 1862, di vendere alcune tavole dipinte dal Vivarini per completare i lavori.

Le vicende del primo conflitto mondiale segnarono profondamente sia la città che la chiesa, uscite devastate dalle distruzioni austriache e dall’incontrollato flusso di esuli in fuga: la palude riprese i suoi spazi, e pure la chiesa ne uscì distrutta.

Fu ricostruita a partire dal 1920, su progetto dell’architetto Giuseppe Berti, per essere ufficialmente

consacrata nel 1930 dal patriarca Pietro La Fontaine. L’impianto è basilicale a tre navate, con il soffitto a capriate ed un ampio coro. L’abside maggiore, inoltre, presenta su entrambi i lati due cappelle absidali.

04 - eraclea - chiesa santa maria concetta

Via Fratelli Bandiera, 5, 30020, Eraclea

0421 232220

donangelomunaretto@alice.it