La Chiesa di Santa Caterina si trova a Ponte nelle Alpi, su di uno sperone roccioso affacciato sul Piave e poco lontano dal ponte che dà il nome al paese.

La posizione della Chiesa, sin da quando fu costruita (probabilmente poco dopo l’anno Mille, anche se le prime tracce documentali riportano al Trecento), era sicuramente strategica, poiché sorge sia nelle vicinanze del ponte sul Piave che da sempre ha un alto valore nel bellunese come punto di scambio e raccordo tra le diverse zone della provincia, sia nelle vicinanze dell’oggi scomparso Porto di Cadola, in cui legna ed altri prodotti dovevano forzatamente passare e pagare il dazio durante il viaggio verso Venezia e la pianura. La chiesa è dedicata anche per questo, oltre che a Santa Caterina, a San Nicolò, patrono degli zattieri.

La struttura è a navata unica, con una cappella sul lato sinistro e un presbiterio con volta a crociera. Presenta sulle pareti degli affreschi davvero interessanti, risalenti alla prima parte del Trecento, successivamente intonacati durante un restauro del 1617 e riportati alla luce nel 1961, grazie ad una casuale scoperta del parroco avvenuta nel 1950. Vi sono raffigurate scende dell’Antico e del Nuovo Testamento, ma non i santi cui è dedicata la chiesa, che sono invece rappresentati in scultura sopra l’altare maggiore (ligneo, risalente al secolo XVI), notevoli come tutte le altre decorazioni.

Piazza Santa Caterina, 32014 Ponte nelle Alpi BL

0437-99221