Castelnuovo di Quero sorge nel comune di Quero Vas lungo il fiume Piave; si trova lungo il tratto della strada vecchia che costeggiava la sponda destra del Piave in direzione di Feltre.

Si tratta di un castello risalente al XIV secolo per scopi militari e commerciali ma probabilmente sorgeva precedentemente una fortificazione longobarde o d’età romana. Presumibilmente la costruzione era adibita nel medioevo, tra le altre cose, a stazione di pedaggio per il transito delle zattere che scendevano lungo il fiume. Per questo motivo la struttura prese il nome di Castelnuovo in quanto sostituì un fortilizio posto più a sud e smantellato nel 1196 dalle milizie del vescovo di Belluno, Gerardo de Taccoli. Dopo la ricostruzione dei Veneziani al posto del sistema di fortificazione precedente, a difesa della Repubblica Veneta dalle incursioni nemiche, particolarmente dalle forze dei duchi d’Austria,  venne affidata alle famiglie patrizie veneziane perché lo amministrassero.

La storia di Castelnuovo di Quero si lega alla vicenda al confine tra realtà e leggenda di uno dei suoi tenutari, Girolamo Milani: egli nel 1511 venne catturato dalle armate austriache mentre lottava per difendere il castello e la Repubblica Veneta. La leggenda narra che l’eroe fu poi liberato per intercessione della Vergine Maria, e per riconoscenza si diede alla vita religiosa, fondando l’ordine religioso dei Padri Somaschi. Oggi è casa di preghiera dei Padri Somaschi che lo acquistarono nel 1924.

Via Feltrina - Quero (BL) 32030

Orari

Il castello è visibile dall’esterno.